0%

7 Semplici passi per scegliere le scarpe da volley - TLDR:

1)PESO DELL’ATLETA

Più una scarpa è strutturata, più è adatta a carichi di lavoro pesanti (per la scarpa, s’intende!). La combinazione che va considerata è un bilanciamento tra peso dell’atleta e forza esercitata su suola e tomaia della scarpa.

2)RUOLO DEL GIOCATORE

Solitamente consigliamo scarpe reattive e leggere a palleggiatori e liberi. Ma anche attaccanti “leggeri” che vogliono mantenere una certa rapidità di gioco possono sfruttare scarpe leggere e morbide.

3)AMMORTIZZAZIONE PERCEPITA

Una scarpa non è più o meno ammortizzata in assoluto. Ma più o meno ammortizzata in relazione al peso che deve sostenere.

4)IL TERRENO DI GIOCO

Attenzione alla suola delle scarpe che comprate! Ci sono suole specifiche per i pavimenti in parquet ed altre che perfomano meno bene su questi pavimenti. Se giocate in particolare su parquet preferite scarpe con suole in Caucciù.

5)IL FIT

Ci sono scarpe più o meno fascianti. Solitamente ciò dipende dalla composizione dei materiali della tomaia (la parte superiore), dallo strato di imbottitura nella parte alta del tallone e dalla larghezza della pianta. La calzata da uomo è più larga di quella da donna.

6)ALTA O BASSA?

La scarpa alta non vi fornisce maggiore protezione da “scavigliamento” rispetto a quella bassa. La cosa importante è la suola. Una suola strutturata bene eviterà problemi di sorta. Certo è che se il centrale di fronte a voi non sa saltare… allora le scarpe possono poco.

7)E LE SCARPE DA BASKET O DA RUNNING? VANNO BENE?

La risposta è… MEH! 30 anni fa si giocava con le converse e le onitsuka e nessuno si lamentava.

 

SCEGLIERE SCARPE VOLLEY – OGNI ANNO

si è soliti iniziare la preparazione con le vecchie scarpe da pallavolo che tiriamo fuori dall’armadio. Sporche, impolverate, distrutte dal lavoro degli anni precedenti. Quanto erano comode fino a poco tempo fa?
Forse è arrivato, a malincuore, il momento di cambiarle. Come scegliere le tue prossime scarpe volley?


Potete scegliere se seguire la guida di seguito, oppure fare il nostro velocissimo test

IL CONSIGLIO DI UN EX

Ho smesso di giocare solo pochi anni fa ed ora vedo tanti amici passare nei nostri negozi alla ricerca dell’ultimo modello o di qualche modello di anni addietro per evitare di spendere un capitale.
La scelta della scarpa (che si tratti di volley, calcio, tennis, running ecc..), non mi stancherò mai di dirlo, è fondamentale. Le scarpe che mettiamo ai piedi ci sostengono in fase di spostamento, atterraggio dal salto, cavitazione e scatto. La scelta è puramente soggettiva, certo, ma vi sono alcune caratteristiche che possiamo prendere in considerazione quando valutiamo l’acquisto.

1)PESO DELL’ATLETA

"Non posso creare una scarpa che non si rompa anche quando ti trasformi!" cit. Il calzolaio di Bruce Banner

Vi sono scarpe più o meno strutturate. Più una scarpa è strutturata, più è adatta a carichi di lavoro pesanti (per la scarpa, s’intende!). La combinazione che va considerata è un bilanciamento tra peso dell’atleta e forza esercitata su suola e tomaia della scarpa.
Esempio: un giocatore che pesa meno di 90 kg ha bisogno di una scarpa più leggera e non necessariamente strutturata rispetto ad un giocatore che pesa più di 100kg.
Tuttavia va considerato anche l’uso che il giocatore ne fa e questo ci porta alla seconda variabile.

2)RUOLO DEL GIOCATORE

"Quest'anno mi hanno spostato a giocare a ... centro/2/banda/palleggio/panchina/tribuna/tavola" cit. qualsiasi giocatore di pallavolo almeno una volta nella propria vita

Verosimilmente un centrale avrà bisogno di una scarpa più “coriacea” rispetto ad un libero che, invece, potrà scegliere un prodotto più leggero e flessibile (reattivo). Solitamente consigliamo scarpe reattive e leggere a palleggiatori e liberi. Ma anche attaccanti “leggeri” che vogliono mantenere una certa rapidità di gioco possono sfruttare scarpe leggere e morbide.

3)AMMORTIZZAZIONE PERCEPITA

"Questa suola po' esse piuma.. o po' esse fero" cit. Product Developer @MizunoJapan

Questo è un passaggio complesso da comprendere, quindi seguitemi bene. Una scarpa non è più o meno ammortizzata in assoluto. Ma più o meno ammortizzata in relazione al peso che deve sostenere. L’esempio che faccio spesso è quello dell’elefante e della formica. Un elefante che si posa su una foglia non ne percepisce la morbidezza perchè il suo peso la schiaccia. Una formica che cammina su un materasso, a sua volta, non ne percepisce l’ammortizzazione perchè ha un peso troppo esiguo per fletterlo. La scarpa deve avere una mescola nella suola che si trasformi seguendo il peso corporeo dell’atleta. Non fidatevi di scarpe troppo morbide subito. Potrebbero consumarsi in pochissimo tempo e sarete costretti a comprarne un paio nuovo quasi subito.

4)IL TERRENO DI GIOCO

"Il panno bagnato! Passatemi il panno bagnato!!" cit. il fenomeno di turno che dice di scivolare in palestra nonappena viene murato

Attenzione alla suola delle scarpe che comprate! Ci sono suole specifiche per i pavimenti in parquet ed altre che perfomano meno bene su questi pavimenti. Se giocate in particolare su parquet preferite scarpe con suole in Caucciù.

5)IL FIT

"Le sento leggermente piccole.." cit. Il vostro opposto di 2 metri a cui piacciono le scarpe con colorazione femminile

Ci sono scarpe più o meno fascianti. Solitamente ciò dipende dalla composizione dei materiali della tomaia (la parte superiore), dallo strato di imbottitura nella parte alta del tallone e dalla larghezza della pianta. Le scarpe di nuova generazione fanno tutte molta attenzione ai primi due fattori. Il terzo è insito nel tipo di calzata che scegliete. La calzata da uomo è più larga di quella da donna, quindi: donne dai piedi enormi, cercate sempre scarpe da donna della vostra misura! Tanto le trovate fino al 45 (in questo le aziende vi aiutano).

6)ALTA O BASSA?

"Stasera facciamo ghiaccio?" detto popolare

Ed ecco il dilemma infinito: scarpa da volley alta o scarpa bassa? Sappiatelo: la scarpa alta non vi fornisce maggiore protezione da “scavigliamento” rispetto a quella bassa. Non vi “tiene meglio la caviglia”. Se con un dito riuscite a piegarla, allora il vostro peso corporeo che crolla dall’alto la piegherà in una frazione di secondo e con essa la vostra caviglia. La cosa importante è la suola. Una suola strutturata bene eviterà problemi di sorta. Certo è che se il centrale di fronte a voi non sa saltare… allora le scarpe possono poco.
Ultima cosa: le scarpe basse sono solitamente più leggere e meno ingombranti di quelle a collo alto. Se volete performare bene in velocità, allora preferitele.

7)E LE SCARPE DA BASKET O DA RUNNING? VANNO BENE?

La risposta è… MEH! 30 anni fa si giocava con le converse e le onitsuka e nessuno si lamentava. Ma oggi c’è un motivo se c’è differenza tra scarpe da pallavolo e da basket o running.

Il fisico degli atleti si è evoluto. La durata e la frequenza degli allenamenti sono aumentate esponenzialmente. Le articolazioni sono soggette a sollecitazioni sicuramente più rilevanti rispetto a molti anni fa (anche se oggi si salta su Taraflex e prima si atterrava sul cemento - qualcuno di voi ha ancora la palestra in cemento... lo so). E' giusto proteggerle ed aiutare i movimenti con le scarpe più adatte.

IN SINTESI - COME SCEGLIERE?

Ve la faccio davvero semplice e vi lascio qualche informazione di base sulle scarpe che più si trovano in commercio ultimamente. Una sorta di veloce guida d’acquisto. Ovviamente potete sempre contattarci per un aiuto nel caso in cui vogliate essere seguiti gratuitamente e con qualche risata di contorno.
Lo schema-guida lo trovate qui di seguito. Le scarpe sono divise per Brand e per Prezzo.

ASICS

Asics Gel Rocket (40-60 €)
Entry Level

Un primo prezzo. La potete usare per qualsiasi cosa. Molto apprezzata nella pallamano per la sua suola in caucciù ed il buon grip sul parquet.
La consigliamo a chi non vuole spendere troppo ma si vuole divertire con una scarpa adatta. Perfetta nella versione bassa.

Asics Gel Task (60-80 €)
Un buon compromesso

La nipotina della Beyond. E' una scarpa senza troppe pretese che fa il suo. Meno ammortizzata della gel Beyond. Valida per chi non gioca ad alti livelli e non fa molti allenamenti.La consigliamo a giocatori sotto gli 80 kg (uomo) e 60kg (donna). L'anno scorso l'abbiamo vista anche ai piedi di giocatori di serie A. Immaginiamo ne abbiano dovute cambiare almeno 3-4 durante un anno.

Asics Gel Beyond (75-100 €)
Nel dubbio..Beyond!

Un jolly. La consiglerei un po' a tutti gli indecisi. E' un modello storico di AsicsLa sua migliore versione è stata probabilmente la Beyond 3 (se le trovate in giro compratele ora e regalatene un paio anche a me!).Ottimo compromesso tra rapidità, leggerezza e struttura.La consigliamo in particolare a giocatori uomini sopra i 65 kg ed a donne sopra i 40kg. Soprattutto nel modello MT (alta sulla caviglia). Se non sapete cosa scegliere.. Nel dubbio: Beyond

Gel Netburner Ballistic (80-95 €) (Fuori Produzione)
Per tutti!

La Netburner Ballistic è stata aggiunta della gamma Asics di 2 anni fa. Scarpa che prende la suola dal mondo running. Comoda come poche ha una suola protettiva. Non l'hanno mai fatta nella versione alta perché non aveva senso. E' la scarpa perfetta per giocatori rapidi e per chi ha qualche problemuccio alle ginocchia e vuole sentirsi sui cuscini. Contro: si "scarica" molto velocemente e quindi dura meno rispetto ad altri modelli.

 

Gel Netburner Ballistic FF (95-109 €)
Un test gradito

La Netburner Ballistic FF è una scarpa completamente nuova nella collezione Asics. Con la nuova intersuola FF è estremamente comoda e reattiva.
Finalmente ripropongono questo modello nella versione MT (alta sulla caviglia). La sensazione che si ha quando la si calza è di comodità istantanea. Avvolge bene il piede ed il collo. C'è abbastanza spazio per le dita in punta. E' molto leggera e perfetta per i giocatori reattivi che vogliono qualcosa in più in fase di ammortizzazione.
La consigliamo a giocatori un po' in tutti i ruoli al di sotto dei 95kg (uomini) e 70kg (donne) che vogliono sentirsi liberi in mezzo al campo senza sacrificare il comfort.
Finalmente apprezziamo anche lo schema colori abbinabili a qualsiasi completino.
Brava Asics.

 

Asics Sky Elite FF (100-129 €) Modello 2019-20
Per chi gioca davvero

La Gel Elite FF si evolve dopo due anni e diventa Sky Elite. Questo modello è solido, e concepito per la performance. Suola con un grip eccellente su tutte le superfici ed una resistenza impressionante all'abrasione.
Controllo della torsione del piede anche quando il peso si fa elevato..è una scarpa stabile e lo si sente ma non ci sono compromessi con la rapidità di movimento. Abbastanza flessibile e reattiva.
L' ammortizzazione si adatta completamente al piede dell'atleta secondo Asics. Ciò vorrebbe dire che l'ammortizzazione percepita non varia in base al tipo di peso ed appoggio supportato dalla scarpa, consentendo a giocatori di peso ben diverso di poter indossare questa scarpa.

Per questi motivi la consigliamo a giocatori uomini sopra gli 80 kg che abbiano ruoli in cui si salta molto e si atterra (solitamente) male. Una scarpa solida, con la suola che richiama un po' quella delle scarpe da Basket.
La consigliamo anche a giocatrici donne sopra i 50kg che vogliono sentirsi sicure anche se saltano mezzo foglio di carta.
Non impedisce movimenti di difesa e di cavitazione, quindi va bene anche per quelli che saltano poco e difendono molto (amici liberi!!) soprattutto nella versione bassa.

ADIDAS

Adidas CrazyFlight Bounce (75-100 €) -Fuori Produzione
Per il pre e post partita

Scarpa bassa e compatta. Ha una suola estremamente interessante: ottimo grip su tutte le superfici ed estremamente resistente. La mescola inserita sul tallone la rende oltremodo ammortizzata e reattiva. Per quanto ci riguarda è quasi sprecata su un campo da pallavolo e la metteremmo tutti i giorni per andare in giro. Potrebbe essere un’ottima scarpa da palestra (se non fosse per il fatto che è troppo ammortizzata per reggere carichi elevati sotto uno squat).
Si dimostra poco stabile per giocatori pesanti.. Durerebbe veramente poco ai piedi di qualcuno che ci si allena 3-4 volte a settimana.
La consigliamo a uomini tra i 60 e gli 80 kg che vogliono una scarpa leggera e bella da vedere al piede o a donne fino ai 60kg che vogliono un colore neutro e non hanno problemi con la scarpa a caviglia bassa (tanto se cadiamo male ci scavigliamo lo stesso).

Adidas Energy Volley Boost (100-130 €) FUORI PRODUZIONE
Ancora non ci siamo

Sono sul mercato solo da 2 anni. Adidas non è nota per fare scarpe volley.. Ma ormai fa tutto! Non male in fase di ammortizzazione sul tallone. Un po' secca sull'avanpiede. Sicuramente migliorerà col tempo. Per ora resta una buona soluzione per chi toglie dai piedi stan smith o superstar e vuole continuare a calzare Adidas. Ha un calzino che coccola la caviglia. Molto confortevole. Calzata un po' larga rispetto alle concorrenti.

Adidas Crazyflight X (90-110 €) FUORI PRODUZIONE
Sulla buona strada

Una scarpa particolarmente ammortizzata sul tallone. Il sistema Boost sugli sport da impatto si rivela ottimo per evitare traumi ai legamenti e restituisce abbastanza spinta da consentire all’atleta di essere veloce anche dopo una difesa sui talloni. Il calzino superiore avvolge la caviglia ed evita movimenti strani della scarpa in fase di appoggio e rullata.Nel complesso un’ottimo prodotto, leggero e rapido.
La consigliamo a giocatori che cercano una calzata comoda. Giocatori reattivi che vogliono sentirsi liberi e non costretti nei movimenti. Tendenzialmente Schiacciatori in posto 4, e centrali molto magri. Se siete un opposto di 120 kg…. questa non è la scarpa per voi

Adidas Crazyflight X2 (110-120 €)
Un passo avanti nella giusta direzione

Finalmente Adidas tira fuori dal cappello una scarpa con cui si può giocare a pallavolo. Hanno sapientemente modificato il calzino, staccandolo dalla fascia centrale dove si attaccano i lacci. In questo modo non lo sentite stretto attorno al piede, ma solo molto avvolgente. La scarpa vi dà un senso di comodità impressionante. Calza veramente come un calzino in neoprene attorno alla caviglia e vi lascia questa sensazione fino alla punta del piede.Ottima la presa attorno al collo del piede e perfetto lo spazio per le dita per chi ha pianta media (ha una calzata piuttosto adattabile per chi ha piante larghe o strette). Il sistema boost è stato sistemato ed ora è un po’ più secco (quindi meno “ballerino” e più stabile). Ottima la sensazione sull’avampiede.
Reattiva e morbida, ci piace parecchio questa nuova versione della Crazyflight 2018/19.
E’, a dirla tutta, forse una delle scarpe esteticamente più interessanti di questa collezione tra i vari brand ed a noi piace così. La consigliamo a donne tra i 40 ed i 65 kg o a uomini tra i 60 ed i 100kg che corrono parecchio in mezzo al campo o si spostano molto. Ottima per schiacciatori rapidi e veloci e centrali donne o centrali uomini leggeri o palleggiatori e liberi. Volendo va bene anche per gli allenatori . Durata stimata di questa scarpa per utilizzo medio di 3-4 allenamenti a settimana: 8 mesi. Ci fate tranquillamente un campionato.

Adidas Crazyflight X3 (120-130 €)
Migliorata e più stabile

Le nuove Adidas Crazyflight X3 USA Volleyball sono le scarpe targate Team USA da pallavolo. Per giocatori rapidi e veloci.

Nuova versione della Crazyflight in questa colorazione stupenda che nasce direttamente dalla bandiera americanaScarpa della nazionale di volley USA è reattiva come il buon Sander e stabile per il grande Holt.
Una scarpa versatile che nella versione bassa, secondo noi, dà il meglio di sè. Ottima per donne e uomini che vogliono rapidità in cavitazione e spostamenti frontali.
Si comporta bene nei movimenti laterali grazie alla struttura ottimale della conchiglia posteriore e della suolaGrip eccellente anche su parquet o cemento della palazzina di fronte casa vostra.

 

Adidas Marquee Boost Low (100-120 €)
Tutta nuova ed ispirata al basket

‌La Adidas Marquee Low Boost è una scarpa da volley che si ispira al Basket. Pianta larga e tallone immerso nell'Adidas boost. 

Una scarpa creata per giocatori "pesanti" che vogliono sentire ammortizzazione massima sul tallone e sentirsi protetti sempre. L'Adidas Marquee ha un cuscino tutto attorno alla caviglia che la rende estremamente calzante e comoda da indossare. Perfetta per giocatori pesanti che non vogliono rinunciare all'agilità.
Nonostante sembri ingombrante è una scarpa leggera per la categoria.

MIZUNO

Mizuno Wave ThunderBlade (40-70 €)

Un primo prezzo di qualità

Ottima scarpa per rapporto qualità-prezzo. Nella versione bassa dà il meglio di sè. E' una scarpa coriacea che consigliamo a chiunque voglia spendere poco ma desidera al contempo una scarpa di buon livello. L'ammortizzazione inizialmente è scarna, essenziale, ma col tempo si ammorbidisce. Un'ottima compagna per campionati di prima divisione e serie D, dove l'impegno e le sollecitazioni non sono elevatissimi.

Mizuno Wave Hurricane (60-70 €)
Vi sorprenderà

Una scarpa che Mizuno ormai presenta da anni. Soprattutto nella versione femminile piace molto per i disegni che la caratterizzano. E' una scarpa molto reattiva e compatta. La sentirete bene attorno al piede. Ha una buona durata in termini di gioco. Potete usarla anche 3-4 volte a settimana e vi seguirà per tutto l'anno.Perfetta per ogni stile di gioco la consigliamo a giocatori sotto i 95kg (uomo) e sotto i 70kg (donna). Qualsiasi ruolo voi facciate potete affidarvi alla Hurricane.

Mizuno Wave Voltage (85-110 €)
Una scarica di adrenalina

‌La Mizuno Wave Voltage è la nuova scarpa di Mizuno per la stagione 2019-2020. Scarpa bilanciata, molto simile alla Lightning.
Leggerissima ed ammortizzata con sistema Wave, vi sembrerà di non averle ai piedi.
Tomaia che regge bene il piede in fase di cavitazione ed in molti movimenti differenti. 
Il prezzo è eccezzionale per quello che offre il prodotto.. Una scarpa versatile che sicuramente piacerà molto con le nuove linee semplici e di gusto.
La consigliamo a chi vuole una scarpa reattiva sull'avampiede e cerca sempre la massima mobilità anche con un prodotto a collo alto.
Giocatrici donne senza limiti di peso (è ben costruita) e giocatori uomini di peso inferiore ai 100 kg.

Mizuno Wave Luminous (80-110 €)
Noi l'avremmo chiamata "THUNDEROUS!

La wave Luminous è una scarpa praticamente fuori-gamma per Mizuno. Una scarpa così non l'avevano mai tirata fuori dal cappello. Leggera, morbida e stabile: sembra abbiano preso il meglio dal proprio campionario e da quello di Asics ed abbiano provato a farne un mix dal gusto estetico superiore. Beh.. a noi non dispiace affatto ma dobbiamo ancora capirla bene. Mi spiego meglio:
E' una scarpa abbastanza stabile e quindi regge anche giocatori che in campo mettono i piedi un po' come capita. Il calzino (che ormai troviamo anche sulla Wave Momentum) è sviluppato bene. Non troppo stretto, non largo come le vecchie Adidas Crazyflight. Aderisce al collo del piede senza stringere o sfregare sui tendini (+1). Il fatto che sia stata creata solo bassa avvalora la tesi che quando una scarpa è ben salda attorno alla caviglia e la suola è eccellentemente costruita, non servono stivaletti per giocare..
Leggera e morbida anche nell'avampiede, riesce a darvi abbastanza spinta in fase di scattoreattiva come una Lightning) . Decisamente ammortizzata per giocatori non troppo pesanti, la configurazione della suola rende la torsione nella parte centrale molto difficile, ergo: la scarpa resta stabile ancor di più su movimenti di cavitazione.
La cosa favolosa: IL PUNTO PREZZO! Una scarpa di questo livello prezzata al listino di 120 euro è un vero affare ( e vi anticipiamo che Mizuno sta tirando fuori un altro asso di questo tipo dalla manica).
In definitiva 
la consigliamo a giocatori uomini leggeri (possibilmente sotto i 90 kg) che vogliono una scarpa reattiva e morbida allo stesso tempo o a donne al di sotto dei 60 che vogliono sentirsi libere in campo e sfoggiare una scarpa carina (almeno per una volta!) in partita.

Perfetta per palleggiatori, liberi e schiacciatori rapidi. Perfetta anche per giocatori di pallamano (considerate le caratteristiche molto vicine a quelle della Mirage)

Mizuno Wave Tornado (100-120 €) Fuori Produzione
Un carro armato

Scarpa mastodontica della Mizuno. Suola in caucciù misto a gomma non-marking. Dovete essere veramente grossi per sentire l'ammortizzazione di questa scarpa che pesa anche parecchio. E' quella che hanno proposto allo zar per giocare con la nazionale Italiana.. evidentemente non è piaciuta molto. Se vi scavigliate con questa è solo sfiga.

Mizuno Wave Lightning (100-130 €)
Leggera e bella

Il Jolly della Mizuno. Mille colori diversi ed uno stile unico.Estremamente leggera e reattiva. Pecca forse in ammortizzazione ma guadagna in stile. Dal 2017 la scarpa delle nazionali di pallavolo maschile e femminile Italiana. Quest'anno (2019) è stata migliorata molto dal punto di vista del design. Inoltre è più ammortizzata e stabile rispetto a prima. Ogni anno guadagna qualche punto. La versione 6 è stabile e durerà sicuramente più delle vostre vecchie lightning

Mizuno Wave Momentum (120-130 €)

Il piede nel Fortino dei Cuscini

Modello nuovo 2019 Mizuno. Presenta un calzino interno nascosto dal collo alto. Una scarpa che vuole combinare il mondo running e quello volley abbinando morbidezza ed ammortizzazione delle scarpe da corsa con la protezione delle articolazioni ed il movimento controllato di una scarpa da pallavolo. La consigliamo a giocatori piuttosto pesanti (sopra i 100 kg è quasi un must rispetto alla Lightning) ma è abbastanza versatile, quindi anche voi, ragazzotti di 70kg potete tenerla ai piedi e saltare comunque più del classico foglio di carta...  Non leggerissima.. quindi diremmo: centrali ed opposti che vogliono stabilità, ma allo stesso tempo vorrebbero una scarpa comoda da Mizuno ( e non ne possono più di usare Asics che hanno ai piedi da quando guardavano Lucchetta in tv dall'altro lato del bancone da cronista #TeamLucchettaColantoni)

ALTRE

Olympikus (Nemmeno se vi pagano per metterla)
Nemmeno al mio peggior nemico

Scarpa brasiliana che si vedeva in giro un po' di tempo fa. La inserisco nella lista solo perché è l'unica scarpa con cui io mi sia fatto male.

Nike (Non sono amici vostri o miei)
Le hanno tirate fuori dal cappello ma non le pagherei più di 60 euro

Nike, dopo i pezzotti che ha cacciato nel 2006 (e ne so qualcosa perchè giocavo con una squadra sponsorizzata, quindi dovevamo mettere le scarpe Nike) ci riprova prendendo la scarpa che meno vendeva nel Basket e schiaffandoci accanto una descrizione da scarpa da pallavolo. Azienda che mette un baffo su un prodotto e spera di venderlo tra i 120 ed i 150 euro. In questo momento non so se avremo queste scarpe in store.. (spero di no perchè odio vendere roba che non ritengo all'altezza) ma non le pagherei mai più di 60 euro. Costruite in modo approssimativo e con una suola con un grip mediocre. Poco strutturate su mesopiede e tallone. Si', lo so.. in serie A le indossano. Ma loro vengono pagati per farlo. Se pagassero anche me per indossare delle scarpe, credo che accetterei (a meno di aver paura di infortunarmi seriamente). Pagare per indossarle? Non credo proprio.

 

Grazie per aver letto la nostra guida! 

L'abbiamo scritta cercando di darvi più nozioni possibili. Speriamo ci ascolterete e vi troverete bene per il prossimo campionato.

 

Con affetto!

sportnerd